I KPI NELLE MANUTENZIONI

La misura degli indicatori

I KPI (Key Performance Indicators) sono una parte importante delle informazioni necessarie per determinare e spiegare come un’organizzazione avanza verso i propri obiettivi di crescita permettendo di misurare le prestazioni delle attività e dei processi.

Quando si può misurare ciò su cui si lavora ed è possibile esprimerlo numericamente, si hanno dati concreti su quel dato fenomeno, confrontabili con altri dati raccolti, al contrario, dove non si riesce a misurare e quantificare numericamente la conoscenza è meno affidabile.

In ogni sistema la misura degli indicatori è fondamentale, poiché permette di valutare il lavoro svolto, l’accuratezza delle metodologie utilizzate e la rispondenza alle dinamiche del contesto.

Avere a disposizione delle misurazioni permette di giustificare costi e benefici delle decisioni, pianificare, giudicare le performance e identificare possibili miglioramenti.

Pertanto, anche nell’ambito delle manutenzioni, i KPI rivestono un’importanza notevole, progettare la manutenzione vuol dire dimensionare e rivedere periodicamente l’ottimizzazione nella distribuzione delle risorse disponibili tra le attività di riparazione non programmate (manutenzione straordinaria) e le attività programmate di prevenzione (manutenzione ordinaria).

Indicatori della manutenzione

La norma UNI EN ISO 15341:2019 – Indicatori di prestazione della manutenzione (KPI)” descrive un sistema per la gestione degli indicatori di manutenzione atti a misurare le prestazioni nel quadro di fattori d’influenza quali gli aspetti economici, tecnici ed organizzativi, per valutare e migliorare la sua efficienza ed efficacia al fine di raggiungere l’eccellenza nella manutenzione dei beni tecnici.

Le diversità organizzative di gestione della manutenzione ordinaria e straordinaria sono rilevanti, la distinzione tra le due tipologie di manutenzione è molto importante poiché determina un confine di responsabilità tecnica ed economica; la norma chiarisce questi termini e alcuni aspetti di contabilità legati alle due tipologie di manutenzioni evidenziandone anche i costi.

Essendo necessario inoltre, garantire ed attestare la competenza del personale che opera nelle manutenzioni, in particolare per le attività strettamente collegate ad aspetti riguardanti la sicurezza delle persone e la salvaguardia dell’ambiente, la norma chiarisce e approfondisce anche questo aspetto sebbene misurare le prestazioni umane non sempre potrebbe risultare relativamente facile come farlo per un fenomeno tecnico o economico.

La UNI EN ISO 15341:2019 risulta quindi essere di interesse trasversale per tutti i settori che prevedono una attività di manutenzione, comportando per l’organizzazione un valore aggiunto permettendo di:

  1. Misurare lo stato attuale del bene materiali,
  2. Confrontare (benchmark interni ed esterni),
  3. Diagnosticare (analisi di punti di forza e di debolezza),
  4. Identificare gli obiettivi da raggiungere in relazione alle attività di manutenzione,
  5. Pianificare azioni di miglioramento,
  6. Misurare regolarmente le variazioni nel tempo.

La matrice dei KPI delle manutenzioni 

La norma UNI EN ISO 15341 definisce 6 famiglie di indicatori ed in ogni famiglia definisce 4 aree.

KPIn Area
Physical Asset Management PHA Sostenibilità Capacità Servizio Economica
Health Safety Environment HSE Conformità Statistiche Provvedimenti Prevenzione
Maintenance Management M Strategica Funzione Valutazione Miglioramento
People Competence P Responsabilità Supervisione Specialistica Formazione
Maintenance Engineering E Capacità  Durabilità Prevenzione Miglioramenti
Organization and Support O&S Struttura Pianificazione Efficacia Qualità

Per ogni area sono definiti oltre 20 KPI per un totale di 183 KPI. Di seguito riportiamo alcuni esempi di KPI

kpi

Alcuni dei KPI sopra elencati sono calcolati dal nostro software GSQ

 

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Torna su