Marcatura CE Mascherine

Definizione

Le mascherine filtranti coprono il naso, la bocca e il mento e possono avere una o più valvole di inspirazione e/o espirazione. Sono costituite prevalentemente da materiale filtrante e possono comprendere uno o più filtri. Sono dispositivi per proteggere da polveri, fumi e nebbie di liquidi (aerosol) inalabili, ma non da vapore e gas. Il sistema di classificazione si suddivide in tre classi FFP, dove la sigla FFP sta per “filtering face piece”, ovvero maschera filtrante. 

La Conformità

Il regolamento UE 2016/425 stabilisce i requisiti per la progettazione e fabbricazione dei dispositivi di protezione individuale (DPI) per essere immessi sul mercato. I fabbricanti pertanto devono:

  • garantire che siano stati progettati e fabbricati conformemente ai requisiti essenziali di sicurezza all’allegato II applicando la norma UNI EN 149:2009
  • redigere la documentazione tecnica prevista
  • eseguire la pertinente procedura di valutazione della conformità
  • redigere la dichiarazione di conformità UE
  • apporre la marcatura CE

Classificazione

La Classificazione dei DPI è effettuata per Categorie di Rischio (Categoria I, Categoria II e Categoria III) da cui sono destinati a proteggere gli utilizzatori.

Categoria I

  • lesioni meccaniche superficiali;
  • contatto con prodotti per la pulizia poco aggressivi o contatto prolungato con l’acqua;
  • contatto con superfici calde che non superino i 50 °C;
  • lesioni oculari dovute all’esposizione alla luce del sole (diverse dalle lesioni dovute all’osservazione del sole;
  • condizioni atmosferiche di natura non estrema.

Categoria II

La categoria II comprende i rischi diversi da quelli elencati nelle categorie I e III.

Categoria III

  • sostanze e miscele pericolose per la salute;
  • atmosfere con carenza di ossigeno;
  • agenti biologici nocivi;
  • radiazioni ionizzanti;
  • ambienti ad alta temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di almeno 100 °C;
  • ambienti a bassa temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di – 50 °C o inferiore;
  • cadute dall’alto;
  • scosse elettriche e lavoro sotto tensione;
  • annegamento;
  • tagli da seghe a catena portatili;
  • getti ad alta pressione;
  • ferite da proiettile o da coltello;
  • rumore nocivo.

Procedure di Valutazione della conformità

La procedura di valutazione della conformità dipende dalla categoria del dispositivo:

conformita_DPI

Classe di protezione

La norma UNI EN 149/2009 prevede tre classi di protezione ad efficienza filtrante totale crescente:

FFP1

Per protezione da aerosol non tossici polvere in concentrazione fino a 4 volte il valore limite di soglia.

FFP2

Per protezione da aerosol a bassa media tossicità particelle in concentrazione fino a 10 volte il valore limite di soglia (16 volte se montati su pieno facciale).

FFP3

Per protezione da aerosol a bassa media alta tossicità aerosol radioattivi in concentrazione fino a 30 volte il valore limite di soglia (200 volte se montati su pieno facciale).

Mascherine chirurgiche

Le “mascherine chirurgiche” sono “presidi ad uso medico”, prodotti conformemente alla norma EN 14683. Le mascherine chirurgiche rispetto a quelle filtranti (FFP2 o FFP3) hanno semplicemente la funzione di proteggere chi ci circonda e non viceversa. 

Esistono in commercio anche dispositivi certificati contemporaneamente EN 14683 e EN 149

CONDIVIDI QUESTO POST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Torna su